mercoledì 3 febbraio 2021

PRESENTAZIONE-TESTIMONIANZA DEL GISP NELLA CELEBRAZIONE DOMENICALE DEL 24.1.2021 NELLA CHIESA DI SANTA CROCE



Grazie alla vostra Comunità per averci accolto fin dall’origine della nostra esperienza e per l’ospitalità ora in questa celebrazione domenicale.

La Parola è il Vangelo di Cristo Gesù!  Il Vangelo, con il suo grande messaggio di carità, pone l’esigenza di non essere estranei alla realtà in cui viviamo e di non disinteressarsi delle dinamiche sociali e politiche: Il Cristiano come uomo e come cittadino non è chiuso in se’ stesso, dato che l’ambito e le relazioni sociali e politiche sono i luoghi e le occasioni per costruire la nostra società in senso comunitario. Basti pensare all’espressione evangelica “Rendete a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio”. tratta dall’evangelista Marco attraverso la quale Gesù pone la questione del rapporto tra l’essere dei bravi cittadini e l’essere dei buoni cristiani. Oggi siamo chiamati a garantire, riaffermare e consolidare il passaggio dalla polis (“aggregazione di case unite da un’unica stirpe”) verso la civitas (territorio di pluralità intriso di fiducia, reciprocità, fraternità, rispetto delle idee altrui e competizione di tipo cooperativo).

Con questo intento, sulla scia degli insegnamenti ecclesiali della “Dottrina sociale della Chiesa” e del Concilio Vaticano 2°, nel 2001 nasce il GISP - Gruppo per l’impegno sociale e politico - su iniziativa di alcuni laici e con il sostegno della Parrocchia di Santa Croce.

Il GISP si pone come soggetto non esclusivamente di ambito parrocchiale, anzi: grazie agli incontri, ai seminari, ai dibattiti ed alcune significative attività - tra le quali ricordo l’esperienza delle Settimana sociale dei cattolici del territorio pedemontano svoltasi nell’Oratorio Frassati di S. Croce nei giorni 9-10-11 ottobre 2009 - il GISP abbraccia un territorio ultra-vicariale, diventa un riferimento per tutto il territorio pedemontano.

Riguardo alla sua natura va’ precisato che il GISP è apartitico. Lo scopo originario è approfondire, riflettere sulla complessa realtà e sulla nostra società, da leggere ed interpretare alla luce del Vangelo, per stimolare quindi la consapevolezza e anche forme diverse di impegno a favore del bene comune e per superare quel senso di sfiducia e di non speranza che spesso imprigiona anche noi credenti.

In questo particolare momento storico per il mondo e per il nostro Paese, anche la nostra comunità locale deve affrontare le conseguenze della crisi pandemica nel proprio territorio.

Tutti assieme, per il futuro dei nostri figli e dei nostri nipoti, dobbiamo preparare altre strade e vedere nuovi orizzonti ed in questo snodo epocale anche il GISP intende offrire il suo umile contributo.

Il nostro Gruppo è aperto ai contributi e alla partecipazione di quanti desiderano entrare a far parte di questa esperienza, per alimentare una nuova linfa e rinnovare la presenza, l’azione ed il ruolo del GISP nella nostra realtà.

Siamo riconoscenti a don Paolo Traverso per aver sostenuto i nostri primi anni di attività dalla nascita del GISP e ringraziamo vivamente don Stefano e la vostra Unità pastorale per la sensibilità in questi anni dimostrata verso il ruolo del GISP, sensibilità che corrisponde alla necessità di sviluppare ancor più una convinta azione della Chiesa nel campo della formazione all’impegno sociale e politico.

A voi tutti l’invito a seguirci attraverso il nostro sito internet o contattarci ai nostri riferimenti telefonici. Saremo lieti di darvi tutte le informazioni e i chiarimenti sul nostro Gruppo. Grazie.


Nessun commento:

Posta un commento